Osteopatia e cervicale

18515930_10210250834041080_5202362_n

Dott. Salvo Mistretta (Osteopata)

Dott. Manlio Di Marco (Chinesiologo)

 

Con il termine “cervicalgia” si fa riferimento ad un vasto insieme di sintomatologie dolorose che riguardano il tratto cervicale, uno dei punti più delicati del corpo umano; esso è composto da 7 vertebre che sostengono il capo e permettono di compiere movimenti rotatori, flessori ed estensori della testa.  La lesione del midollo spinale contenuto all’interno di queste vertebre, porta alla paralisi degli arti inferiori e superiori (tetraplegia) o addirittura alla morte se il trauma avviene a livello di C1-C2.

L’eziologia della sindrome cervicale è piuttosto varia, può interessare le strutture ossee, nervose, muscolari, vascolari o legamentose.

 

Cause

  • traumi pregressi (colpi di frusta)
  • osteoartrite delle vertebre cervicali (spondilosi)
  • degenerazione di uno o più dischi intervertebrali
  • colpi di freddo (torcicollo)
  • sovraccarichi eccessivi e ripetuti sui muscoli del collo
  • stress causato da posizioni errate quotidiane (vizi posturali)
  • sedentarietà
  • obesità
  • eccesso di alcuni tipi di attività fisica
  • cattivo riposo notturno: uso di materassi e/o cuscini inadatti
  • fattori psicosomatici (lutto o forti emozioni)

 

E’ dunque, fondamentale una diagnosi corretta, attraverso una valutazione medico-specialistica ed eventuali controlli strumentali che sono in grado di scoprire l’origine della sintomatologia cervicale.

Molto spesso, prevalentemente in giovane età, la cervicalgia può essere provocata da uno squilibrio della muscolatura sul distretto cranio-cervico-mandibolare.

 

Sintomatologia

  • Mal di collo
  • Rigidità cervicale
  • Torcicollo
  • Dolore alla base del cranio
  • Dolore alle spalle
  • Sensazione di sabbia durante i movimenti del capo
  • Fasci muscolari dolorosi
  • Difficoltà a mantenere la posizione verticale della testa
  • Nausea e vertigini
  • Acufeni e ronzii

 

Infine, tra gli aspetti degenerativi troviamo l’artrosi cervicale e l’ernia cervicale, risultanti da una cronicizzazione della sintomatologia.

 

Il punto di vista Osteopatico

L’Osteopatia è considerata tra le terapie migliori per curare i problemi del tratto cervicale.

L’indagine Osteopatica mira ad una raccolta di dati anamnestici, valutazione ed esame obiettivo e, relativo piano terapeutico. Attraverso dei test manuali, l’Osteopata è in grado di stabilire se la sintomatologia cervicale è locale o perturbata da sistemi periferici. Tra le disfunzioni di questo tratto, troviamo:

  • Disfunzioni cranio sacrali
  • Disfunzioni viscerali
  • Disfunzioni della colonna vertebrale
  • Disfunzioni ATM (articolazione temporo-mandibolare).

 

Trattamento Chinesiologico

Successivamente al trattamento Osteopatico, si consiglia un programma di esercizio fisco che abbia come obiettivo il miglioramento della condizione sintomatica del paziente.

Esercizi per il rachide cervicale

 

POSIZIONE DI PARTENZA:

Eseguire tutti gli esercizi da seduti o possibilmente davanti ad uno specchio, per controllare che la vostra postura rimanga corretta durante l’intera esecuzione degli stessi.
Sedere su una sedia in modo corretto, occupare l’intera seduta, appoggiare la schiena ben diritta contro lo schienale, mantenere le spalle basse e ben rilassate, appoggiare bene le piante dei piedi al pavimento e tenere le ginocchia divaricate alla stessa larghezza del vostro bacino. Tenere le mani in appoggio sulle gambe e lo sguardo parallelo al pavimento.

Durante gli esercizi, mantenere una respirazione calma e costante e cercare di usare il proprio respiro come ritmo per il mantenimento o il cambio delle posizioni.

 

Esercizi di Respirazione:

1.Sedersi, piegare le gambe e appoggiare una mano sul torace e l’altra sull’addome, inspirare lentamente dal naso cercando di gonfiare la pancia come se fosse un palloncino, senza muovere il torace. Espirare dalla bocca, svuotando completamente la pancia. Ripetere l’esercizio 10 volte.

2.Eseguire l’esercizio precedente in posizione supina con le gambe piegate.

 

Esercizi di Mobilità articolare:

1.Dalla posizione di partenza, inclinare il più possibile la testa verso la spalla destra, arrivare fino a dove si riesce, senza sollevare la spalla per aiutarsi. Contare fino a 10, tornare lentamente alla posizione di partenza. Eseguire un’intera respirazione e completare l’esercizio inclinando la testa verso la spalla sinistra. Mantenere la posizione e contare di nuovo fino a 10. Ritornare alla posizione di partenza.Ripetere l’intera sequenza per 3 volte.

2.Dalla posizione di partenza, ruotare il più possibile la testa verso destra, contare fino a 10 e ritornare alla posizione di partenza. Ripetere dal lato opposto.

3.Dalla posizione di partenza, estendere il capo portando lo sguardo verso l’alto. Contare fino a 10 e, tornare lentamente alla posizione iniziale. Successivamente, ripetere l’esercizio con lo sguardo verso il basso.

 

Esercizi di Rinforzo muscolare:

1.Per rafforzare la muscolatura del collo, ripetere gli esercizi precedenti (mobilità articolare), opponendo resistenza con gli arti superiori e, mantendo la spinta per 5-10 sec.

 

CONSIDERAZIONI GENERALI

Questi esercizi, sono indicati per alleviare le tensioni muscolari, che col tempo provocano dolore e conseguentemente restrizioni dell’ampiezza dei movimenti del collo.

Eseguire ogni esercizio lentamente e attentamente per l’intero tempo indicato.

Quando si eseguono gli esercizi non forzare il movimento.

Allungare i muscoli fino ad un limite confortevole senza oltrepassarlo, in tal caso si rischia di procurare ulteriori danni e uno stato infiammatorio.

Durante l’esecuzione degli esercizi è normale avvertire la sensazione dei muscoli “che tirano”, soprattutto se non si è abituati ad esercitarli e se si vivono costantemente delle situazioni di stress (vizi posturali) che, molto spesso, viene somatizzato causando rigidità muscolo-tendinee e ipomobilità del tratto cervicale. In caso di dolore, sospendere l’esercizio che si sta eseguendo.

Prima di iniziare qualsiasi esercizio fisico è  opportuno consultare un medico di base o uno specialista.