Ernia del disco lombare

23899319_10211744961593335_30981188_n

Dott. Salvo Mistretta Osteopata

 

Cos’è?

L’ernia è una migrazione del nucleo polposo, dalla sua sede alla periferia attraverso le fibre dell’anulus. Questo può causare una forte irritazione delle strutture nervose e una reazione infiammatoria.

 

Cause

Tra le cause più comuni delle discopatie troviamo:

  • Riduzione della corretta curvatura della colonna
  • Disidratazione dei dischi intervertebrali
  • Vizi posturali
  • Traumi (incidenti stradali, colpi di frusta, caduta sull’osso sacro)
  • Età del paziente

 

Sintomatologia

 Spesso, il paziente affetto da ernia discale lombare può manifestare questa sintomatologia:

  • Dolore che si irradia alla coscia anteriore o antero-mediale sino al ginocchio: Lombo cruralgia (ernia in L2-L3, L3-L4).
  • Dolore che si irradia all’arto inferiore attraverso il nervo sciatico: Lombosciatalgia (ernia L4-L-5, L5-S1).
  • Riduzione della sensibilità della cute
  • Formicolii
  • Percezione del caldo e del freddo alterata
  • Debolezza muscolare
  • Deficit motori con difficoltà nel camminare in modo corretto

 

 

 

 

Punto di vista osteopatico

 L’ Osteopata grazie all’utilizzo di tecniche appropriate e partendo sempre da un’indagine globale del paziente (anamnesi, valutazione strumentale e analisi differenziale), non concentrandosi esclusivamente sul sintomo, ha una duplice funzione: da una parte, attraverso un approccio sintomatico aiuta il paziente a ridurre i livelli d’infiammazione provocata dall’ernia, dall’altra, attraverso un approccio sistemico, corregge le disfunzioni che possono aver causato lo scompenso posturale indirizzando il paziente verso abitudini più sane. Il trattamento osteopatico per questo genere di problema non si deve considerare come un sostitutivo dei trattamenti convenzionali, ma di sostegno; anche nei casi più gravi in cui il più indicato trattamento è quello chirurgico, l’osteopatia svolge un ruolo fondamentale sia nel pre che nel post-operatorio.

 

Trattamento

L’osteopata dunque, tramite specifiche tecniche di manipolazione, favorisce la mobilità delle zone sofferenti, e attraverso una terapia osteopatica permette al tratto infiammato di riprendere la normale fisiologia. Il paziente a questo punto potrà iniziare un vero e proprio percorso di rieducazione posturale, in quanto una delle strategie più efficaci per ridurre le ricadute  è la costante attività fisica che includa esercizi mirati nel tentativo di ridurre i vizi posturali ad esso associati.